Connect with us

Twitter: Anatomia e Composizione

Social media marketing

Twitter: Anatomia e Composizione

Twitter è l’estensione dei brevi, semplici mesaggi, come esistono da diversi decenni. La cartolina ha generato l’SMS, che ha generato il messaggio degli instant messanger, che ha generato Twitter. A volte le idee più semplici fanno presa proprio perché sono semplici.

“Ciurma! Arggg! Pirati!” Se non l’aveste capito oggi è la prima puntata di una lunga serie di appuntamenti sul social network dal potenziale più evolutivo di tutti quelli presentati nel mondo di internet. Oggi vi parlerò di Twitter. Molte realtà (aziende e professionisti) si sono dovuti scontrare con questa piattaforma social e con la crisi da impotenza.
Poche regole, semplici, ma così difficili per comprendere in quale modo bisogna gestire la propria presenza e la propria comunicazione.
Chi mi ha insegnato a lavorare nel mondo dei social network e della comunicazione, un giorno, spiegandomi l’importanza di Twitter e della strategia da adottare, mi disse che mi sarebbero bastati 10 minuti al giorno per utilizzarlo nel modo corretto. La vostra faccia in questo momento me la immagino. Occhi gonfi dall’emozione, braccia rivolte verso il cielo e canti di giubilo.

Ho incominciato cercando le parole chiave (keywords) appartenti alla mia area di interesse o di settore. Questa ricerca può essere condotta in maniera molto semplice, senza l’ausilio di nessun tool, se non il semplice search di Twitter.

Il risultato di questa ricerca – condotta ogni mattina dalle 9:00 alle 9:10 – è servito a dimostrare alle aziende che online le persone parlano e seguono il loro prodotto o il loro settore di mercato. Da qui nasce l’esigenza di costruire la presenza online e mettere a punto una strategia.
In questi articoli costruiremo insieme la vostra presenza online e vi aiuterò a mettere in piedi la vostra piccola strategia di comunicazione.

Cos’è Twitter?

Twitter è un social network che ha un’anatomia e una composizione specifica e generalemente si definisce come piattaforma di microblogging.

Il microblogging permette la pubblicazione di pin rete di messaggi di testo, immagini, video e audio in maniera constante. Gli aggiornamenti possono essere visibile ad una cerchia sociale pubblica o solo a persone che appartengono alla nostra rete sociale.

A differenza della Fanpage di Facebook in cui i contenuti possono condivisi senza quasi nessuna intereazione, Twitter ha bisogno di un aggiornamento costante ed immediato, altrimenti il rischio è quello di trovarsi lontani dai propri utenti, ma anche dalla cerchia di relazioni.
Dopo la rivoluzione araba il mondo di Twitter si è aperto anche ad altre definizioni tra cui quella di broadcast di informazioni.
Lo scambio frenetico e immediato ha permesso a blogger ed influencer di far conoscere quello che succedeva nelle piazze principali ancora prima che gli stessi giornali ne potessero parlare.

Anatomia e Composizione

Da questo punto in poi ragioneremo insieme su come è organizzato un profilo di Twitter e quali sono le regole che dobbiamo utilizzare per gestire al meglio.

La prima considerazione da fare è in fase di apertura del vostro profilo. Nel nostro caso specifico abbiamo scelto di utilizzare Twitter con il nome del sito e del nostro brand @IPiratiGrafici, scelta fonamentale se parliamo di SEO (Search Engine Optimization). Infatti, Twitter è una fonte di conetnuti frequentemente aggiornati e rilevanti, utilizzata dai motori di ricerca per proporre i risultati per una certa parola chiave. Dunque, questa scelta è fondamentale per il futuro, perché sarà collegato anche al nostro riconoscimento, alla nostra reputazione e al nostro essere brand online.

Uno sguardo all’homepage

L’homepage di Twitter mostra nella parte centrale gli aggiornamenti dei tweet più recenti degli utenti che stiamo seguendo. A sinistra abbiamo il riassunto del nostro profilo con il numero di tweet totalizzati dall’inizio della nostra iscrizione, il numero di folowing (persone che noi seguiamo) e i follower (persone che ci seguono). Sotto abbiamo il quadro con le tendenze (trend) del momento. Sono gli argomenti più discussi e più cinguettati del momento. Questa lista è modificabile inserendo la nostra città per vedere quali sono gli argomenti più discussi. Il primo dell’ordine è sempre ricondotto ad una sponsorizzazione in corso.  Nella parte destra Twitter ci suggerisce, sulla base dei nostri interessi, chi seguire e nella parte sostante la possibilità di intercettare nuovi contatti dai nostri account  di posta.

Homepage Twitter

Nella parte alta a sinistra abbiamo tre tasti:

  1. HOME – ci permette di vedere la pagina con tutti gli ultimi tweet aggiornati
  2. NOTIFICHE – in questa sezione appaiono le menzioni dei tweet, i nuovi follower e quando un utente ci aggiunge ad una lista
  3. MESSAGGI (DM) – sono i messaggi che due profili che si seguono possono mandarsi (sempre al max di 140 caratteri)

A destra invece abbiamo:

  1. SEARCH – il “cerca” che ci permette di fare le ricerche
  2. ICONA PROFILO
  3. SCRIVI UN TWEET

Search Bar Twitter

Se si clicca sull’icona del profilo si visualizzerà un menù a tendina con diverse opzioni:

  • Visualizza Profilo (il nostro profilo personale)
  • Liste (permettono di seguire altri utenti senza doverli inserire tra i following)
  • Aiuto (centro assistenza con le domande più frequenti)
  • Tasti di scelta rapida (vi apre le combinazione di tasti)
  • Twitter Ads (possibilità di costruire una campagna – vedremo la simulazione) *non ancora attivo*
  • Analytics (le statistiche al nostro profilo)
  • Impostazioni
  • Esci

Profilo - Twitter

Noi adesso clicchiamo sul tasto visualizza profilo.

Appena entrati al centro appare l’immagine di copertina (1500px X 500px), l’avatar (400px X 400opx), sotto la descrizione del nostro profilo (è necessario descriverci al meglio), la posizione geografica, il link del sito web e la data di iscrizione. Sotto tutte queste informazioni ci sono i contenuti mediali (foto e video) che abbiamo condiviso (nel nostro caso ancora nessuno).
Sotto l’immagine di copertina abbiamo il numero di tweet scritti, il numero di following, il numero di follower, il numero di tweet aggiunti ai preferiti e le liste (in seguito vedremo che sono uno strumento molto importante).
Nella parte centrale abbiamo tutti i tweet pubblicati; possono essere divisi tra tweet e risposte e tweet contenenti solo foto e video.

Profilo - Twitter

Nella prossima puntata vedremo come impostare l’ascolto della rete, capire quali benefici ci può portare essere su Twitter e cercheremo di costruire una strategia in base ai risultati che riceveremo.

Condividi:

Mi chiamo Simone Stricelli, sono un Creative Director e Digital Strategist, da 8 anni mi occupo di costruire strategie digitali per le aziende. Il mio lavoro consiste nel trovare un punto di contatto creativo tra il mondo digitale, dei social media e gli obiettivi dell’azienda, costruendo un piano strategico ed editoriale. È importante individuare gli strumenti giusti, il budget e i canali media a disposizione per non disperdere l’energie.

4 Comments

4 Comments

  1. Antonio Conlaccento

    luglio 7, 2015 at 2:12 pm

    Mi è venuta l’acquolina, attendo il seguito! =)

    • Simone

      luglio 8, 2015 at 10:23 am

      Non tarderà ad arrivare! 😀

  2. Patrizia Anna Coccia

    luglio 9, 2015 at 5:09 pm

    ottimo articolo. ottimo nel senso di super-top! 😀

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

More in Social media marketing

To Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi