Connect with us

Burger King risponde alla provocazione di McDonald's

Curiosità dal mondo

Burger King risponde alla provocazione di McDonald's

Da qualche giorno sta girando in rete e sui social una simpatica quanto provocatoria pubblicità diffusa in Francia da McDonald’s, che, dopo aver installato due cartelli segnaletici su una strada extraurbana, compara in modo ironico la distanza del loro rivenditore più vicino con quello del loro diretto concorrente Burger King, che ha molti meno ristoranti nel paese, distante centinaia di chilometri rispetto al primo;

questa differenza è efficacemente marcata dalla sproporzione del secondo cartello, altissimo e che riporta tutte le complicatissime indicazioni per il suo raggiungimento. 

Lo spot si commenta da solo:

Il successo della pubblicità ha portato Burger King a rispondere prontamente con la creazione di un loro spot, che dà un finale al primo e che vede una coppia che, dopo aver seguito le prime indicazioni per raggiungere il McDrive e fermatasi per acquistare lì un caffè, prosegue il viaggio fino al Burger King, per mangiare il Whopper, concludendo il corto con un’ironica battuta.

Lo spot di Burger King:

Il confronto, vinto senz’altro dal più debole ma auto-ironico Burger King, è solo uno degli ultimi momenti di contatto fra i due franchise: uno dei più recenti risale all’idea della catena di Miami di creare per la giornata mondiale della pace il “MacWhopper“, panino generato dalla fusione dei due più famosi prodotti di entrambi i ristoranti, le sui vendite sarebbero andate in beneficenza; l’idea, per quanto intrigante, è stata scartata da McDonald’s, che aveva invitato a fare qualcosa di più importante, senza poi generare alcuna iniziativa di pari importanza mediatica.

Immagine del McWhopper

Immagine del McWhopper

 

Condividi:

Brand designer e Art Director; Laureato in Communication Design e Professor Assistant presso il Politecnico di Milano. I suoi artefatti sono frutto di una continua ricerca di coerenza, memorabilità, funzionalità e sintesi grafiche.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

More in Curiosità dal mondo

To Top