Connect with us

Le malattie mentali illustrate dai mostri di Toby Allen

Creatività

Le malattie mentali illustrate dai mostri di Toby Allen

Toby Allen, illustratore, Regno Unito. Da anni lavora su libri per bambini e progetta personaggi per i videogames.
Ha messo a punto un progetto: dare corpo, voce e sostanza a qualcosa che in realtà esiste solo nella testa di chi è costretto ad averci a che fare. Ha disegnato dei mostri, e ha messo dentro ognuno di loro un potere, in grado di generare un disturbo mentale. Ebbene, ha antropomorfizzato le malattie.
Se per esempio la Dismorfobia avesse un volto, sarebbe fatta esattamente così, porterebbe sull’addome uno specchio rotto in mille pezzi e “proietterebbe una visione distorta di chiunque si avvicini a lui, riducendo la sua autostima e il suo benessere”.

Geniale. I demoni che ci affastellano il cervello possono essere guardati in faccia. Non siamo più noi stessi, che ci autoinfliggiamo una pena, ma scindiamo definitivamente il disturbo da quello che realmente siamo e forse, in qualche modo paradossale, lo esorcizziamo.

È molto, molto più di una serie di illustrazioni psichedeliche, è quasi una terapia, un riconoscimento del colpevole, un’esternalizzazione del dolore, una proiezione di quel dolore addosso una creatura che ce l’ha generato, che si è fatta vettore di quella pena attraverso il suo potere malvagio.

L’arte sì, è sempre stata un esorcismo. Buttiamo fuori quello che ci ammazza dentro, lo scriviamo, lo disegniamo, lo cantiamo, lo costruiamo, lo fotografiamo. Ma Toby questa volta ha fatto ancora di più. Ha costretto i nostri mostri a venire fuori dal nostro petto, e ci ha catalogato i poteri attraverso cui agiscono, ha costruito una storia e ci ha tirato violentemente in mezzo, ha dato al tuo nemico un nome e un volto, e di conseguenza, ha trasformato te in un abile condottiero pronto a difendersi a spada tratta e a sconfiggerlo.

“Il Mostro del Disturbo Bipolare ha due coscienze totalmente diverse: una è in un costante stato di frenesia e iperattività, invece l’altra si trova in uno stato di perenne depressione. Le due coscienze lottano tra di loro per ottenere il controllo del corpo della vittima, che oscilla continuamente tra i due stati d’animo”.

Il progetto è nato tentando di immaginare la mia stessa ansia come un mostro. Trovarla per trasformarla in un disegno è stato un processo catartico, di guarigione. L’ansia mi ha fatto sentire debole ma sono stato in grado di guardarla in un modo comico. Ho voluto estendere questa idea e disegnare altre rappresentazioni di malattie mentali che potrebbero aiutare altre persone, nello stesso modo in cui hanno aiutato me.

Già. Frugare nella tua anima, andare spedito ad acciuffare il mostro, tirarlo fuori e imprigionarlo dentro un foglio. E magari provare a ridere di lui.

Definirlo, dargli dei confini precisi, capire dove inizia la tua malattia e dove finisci tu, dove inizia il suo raggio d’azione e finisce il tuo.

Ho ricevuto tanti messaggi meravigliose da parte di persone che vivono con uno o molti dei disturbi che ho disegnato”, ha detto, “mi dicono quanto questo lavoro significa per loro e di come li ha aiutati a pensare alla loro condizione in un modo diverso o più positivo.

Una prodezza infinita. Grazie Toby.

malattie - anoressia nervosamalattie - disordine evitante della personalità bipolar body dismorphic disorder borderline depression dissociative identity disorder disturbo ossessivo compulsivo misphonia paranoia post traumatic stress disorder schizofrenia malattie - mutismo selettivo malattie - disordini del sonno malattie - ansia sociale

Per vedere tutti i lavori dell’artista, ecco il suo profilo Behance.

 

Articolo a cura di Fabiana Palano

Condividi:
1 Comment

1 Comment

  1. Alessio Filippino

    settembre 27, 2015 at 11:58 am

    Ma sono pokemon?
    LOL

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Creatività

To Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi