Connect with us

In che modo i colori influenzano la nostra percezione delle cose?

Creatività

In che modo i colori influenzano la nostra percezione delle cose?

Siamo ormai vessati dal marketing. Ogni giorno subiamo spot televisivi, banner sul web, cartelloni in strada. Siamo così saturi che ci sentiamo quasi maltrattati dagli strattoni che ci tirano quando alzano il volume d’un tratto, quando interrompono la nostra concentrazione, quando si impongono frugandoci nei sensi mentre noi, in realtà, volevamo pensare ad altro.

Cosa potranno mai inventarsi di nuovo per non essere buttati fuori a calci dalle spoglie della nostra ragione e scavalcati furiosamente dalle nostre priorità? E’ sempre più importante che i messaggi a cui veniamo sottoposti vengano pianificati in modo tale da attraversare la nostra percezione conscia e razionale, e depositare il loro nucleo semantico fino in fondo al nostro guscio cerebrale, lì dove fiorisce il cielo di idee, preferenze, gusti.

I colori sono, in questo, una sorta di cecchino con il fucile di precisione. Ci dicono tutto senza bisogno di pronunciare nulla, e ne veniamo condizionati, senza nessuna consapevolezza, così che le considerazioni che faremo di conseguenza sembreranno esclusiva farina del nostro sacco e non il risultato dell’influenza di qualcos’altro.

Un esempio? Se il celeberrimo logo Virgin propugna energia e vitalità, è perchè siamo noi che lo consideriamo così, o è perchè è costruito in modo tale che chi lo guarda venga riempito da questi significati e gli attribuisca quelle caratteristiche?

I colori parlano la lingua del nostro subconscio. Ed è una lingua che possono sentire solo loro. E il loro messaggio ci si agguanterà addosso come i tentacoli fanno sulle prede, e ci infonderà tutto il succo necessario per colonizzarci la mente. Una ricerca rivela che le persone eseguono un giudizio a livello di subconscio su un prodotto o un marchio entro i primi 90 secondi dal momento in cui ne entrano in contatto visivo. Circa l’80% di questo giudizio è basato esclusivamente sul colore. Ciò significa che un colore può fare o può distruggere un prodotto.

Non ci credete? Facciamo insieme qualche riflessione. Mac Donald sceglie il giallo. Il giallo è ottimismo, calore, allegria. Il giallo è guarda il lato positivo. Evocherebbe in noi le stesse emozioni se la sua M fosse intinta di blu?

Untitled-3

Sembra perdere completamente la sua identità.

L‘arancio. Viene scelto da Fanta, da Amazon, da Blogger. L’arancione è un giovane creativo ed entusiasta. Evoca allegria, amicizia, confidenza. E giù con Nickelodeon, il canale che trasmette cartoni per bambini, e con il browser Mozilla Firefox, che in questo caso funziona come un bottone: chiama all’azione. Compra, vendi, iscriviti.
Il rosso vuole pomparti energia nel sangue. Sapete che viene usato dai ristoranti per stimolare l’appetito? Come citato prima, lo ha scelto Virgin e poi Coca Cola, Kellogs, Algida, RedBull. Il senso di urgenza che scatena può costringere la gente a comprare, soprattutto negli acquisti last-minute.

E poi c’è il viola. Il colore delle idee. Attiva l’immaginazione e affascina gli occhi. I marchi sfruttano l’atmosfera del viola, evoca un “tutto è possibile”,  uno sforzo creativo, un tuffo in qualcosa di nuovo. Guardate l’adidas che colori ha scelto per il suo top di gamma da running, “Ultra Boost”:

Il blu è invece il colore della affidabilità, della sicurezza, è utilizzato per costruire una sensazione di fiducia in un brand. E infatti, di che colore è il marchio Durex?

Il verde è il colore della salute, della natura e della tranquillità e normalmente è utilizzato per comunicare emozioni positive e di crescita. Non è un caso che di recente sia stato adottato da Enel.

screenshot02

Il grigio è usato per testimoniare equilibro, neutralità. Il New York Times, Wikipedia. E infonde calma, ordine, quiete. Così come vuole Apple.

E per rispondere alla domanda con cui abbiamo iniziato, il segreto non è inseguire le farfalle (inondare i consumatori di spot), ma prendersi cura del giardino (il proprio brand), così che siano le farfalle stesse a venire da te.

Condividi:
Continue Reading
You may also like...
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Creatività

To Top